Europei 2021 – la parola ai protagonisti veneti

  Si sono appena conclusi i Campionati Europei 2021 sul Lago di Varese che, al di là delle numerose e prestigiose medaglie conquistate dalla Squadra Azzurra, hanno rappresentato una fondamentale tappa di avvicinamento all’appuntamento, sicuramente più importante, di Tokyo2020NE o, per alcuni equipaggi, alle ultime occasioni per qualificare le imbarcazioni che non hanno ancora ottenuto il “pass olimpico”.

Tra i protagonisti di questi Campionati Europei, compaiono sicuramente anche gli atleti Azzurri veneti, dai quali abbiamo raccolto alcune testimonianze per un loro primo bilancio su questa rassegna continentale.

Alessandra Patelli (Canottieri Padova – 6ª class. in “4-SF”): “In questi Europei, tranne che per il recupero di sabato, sia in batteria che in finale non siamo riuscite ad esprimere i nostri valori. Il livello del 4 senza è altissimo, tutte le nazioni hanno portato una barca competitiva per cui sarà tosta qualificare la barca a Lucerna, ma noi abbiamo voglia di rifarci e d dimostrare ciò che veramente valiamo.

Chiara Nardo (Canottieri Padova – 5ª class. in “2xPR2Mix”): “Le mie impressioni sono sicuramente molto positive. Sia io che Gianfilippo abbiamo dei grandi margini di miglioramento dato che io vogo da appena un anno e mezzo e mi rendo conto di migliorare sempre ad ogni raduno con la Nazionale. Il nostro equipaggio poi è stato composto solamente una settimana prima dei Campionati Europei e prima ci siamo sempre allenati in singolo. Fino a prima della finalissima di domenica poi ero sempre stata io a capovoga ma dopo la “preliminary race” di venerdì, la direzione tecnica ha giustamente pensato di invertire le nostre posizioni in barca e il miglioramento è stato davvero notevole. Dal 3 al 6 giugno avremo l’opportunità per giocarci la qualificazione per le Paralimpiadi all’internazionale di Gavirate e ce la metteremo sicuramente tutta.”

Veronica Lisi (Canottieri Padova – 5ª class. in “4xSF”): “Ci siamo trovate a gareggiare contro equipaggi collaudati da tempo. Noi abbiamo avuto davvero poco tempo per formare un 4 compatto fino a limare anche i minimi difetti, quelli che fanno la differenza. Abbiamo affrontato la batteria al massimo, consapevoli di aver fatto il nostro meglio. Il recupero è stata sicuramente la nostra gara migliore, un’ottima partenza ci ha fatto entrare in un passo perfetto che Stefania ha gestito benissimo secondo le possibilità dell’equipaggio, la barca scorreva e abbiamo reagito ad ogni attacco avversario. Una gara magnifica che ci ha fatto realizzare in pieno il nostro potenziale fino a quel giorno ancora non espresso al massimo.

La finale, piena di aspettative, ci ha viste in partenza convinte di andare a prendere il podio ma forse per l’agitazione o per il poco collaudo dell’equipaggio in gara, abbiamo fatto un errore in partenza che con la bravura di Stefania ed il potenziale dell’equipaggio, nonostante non fossimo più riuscite a riprendere un buon assieme, siamo riuscite a recuperare fino ad arrivare ad un solo secondo dal podio.

Stefania Gobbi (Carabinieri/Can. Padova – 5ª class. in “4xSF”): “Siamo soddisfatte, anche se siamo un equipaggio messo insieme da poco, abbiamo fatto vedere che ci siamo. Ci avevamo creduto molto dopo le prime due gare ma in finale forse ci è mancata un po’ di esperienza, quando volendo dare ancora di più, abbiamo accusato un assieme non ancora consolidato. In ogni caso un ottimo punto di partenza credo anche per i nostri allenatori.

Clara Guerra (Fiamme Gialle – 5ª class. in “4xSF”): “Secondo me la Finale non l’abbiamo gestita al massimo delle nostre capacità, soprattutto rispetto al recupero di sabato ci mancava un po’ di assieme, però essendo una barca molto giovane dobbiamo ancora lavorare per diventare un equipaggio compatto in tutte le gare. Dispiace di aver mancato il podio di appena 1 secondo e 8 decimi però abbiamo ancora tanta strada da fare e sicuramente è un buon punto di partenza, considerato il livello molto alto delle avversarie.

Luca Chiumento (Fiamme Gialle/Can. Padova – 2° class. Finale B in “2xSM”): “Per me ed il mio compagno di barca questo Europeo è stata sicuramente una bella prova. Siamo un equipaggio giovane che voga assieme da poco ma siamo riusciti a raggiungere delle buone velocità in una specialità dal livello altissimo. La Semifinale e la Finale B sono state entrambe delle belle gare che ci hanno anche fatto capire come dobbiamo lavorare nel prossimo futuro. Siamo contenti del risultato e non vediamo l’ora di rimetterci a lavoro.

L’intero Comitato Veneto vuole fare i suoi più sinceri e sentiti complimenti ai nostri atleti Azzurri veneti e a tutta la Squadra Nazionale per gli ottimi risultati raggiunti in questo Campionato Europeo, certi che serviranno di stimolo per i prossimi importanti appuntamenti agonistici della stagione.

GRANDE VENETO, GRANDE ITALIA!!

Alberto Vianello

Comitato Regionale Veneto – F.I.C.

Ufficio Stampa

Gli atleti “veneti” ai Campionati Europei di Varese

Sono state da poco ufficializzate le convocazioni Azzurre per gli imminenti Campionati Europei che si svolgeranno sul Lago di Varese dal 9 all’11 aprile p.v. e la compagine degli atleti “veneti” non è veramente mai stata così numerosa.

Risultano infatti presenti in elenco gli atleti della Canottieri Padova Alessandra Patelli, Chiara Nardo, Veronica Lisi e Simone Martini, oltre ai padovani Stefania Gobbi (Carabinieri) e Luca Chiumento (Fiamme Gialle) ed alla veronese Clara Guerra (Fiamme Gialle).

Questi sono dunque i nostri “magnifici 7” atleti che, oltre a partecipare con grande entusiasmo all’Europeo, puntano decisamente con ancora più determinazione al mitico traguardo olimpico di Tokyo2020NE.

Abbiamo quindi voluto intervistarli tutti brevemente per raccogliere “a caldo” le loro impressioni, chiedendo loro quali sono le loro prospettive per questo Europeo e come procede la loro preparazione in vista delle Olimpiadi.

Alessandra Patelli: “In questi Europei gareggerò nel 4 senza. Siamo le stesse atlete che l’anno scorso hanno conquistato l’argento europeo, quindi spero che confermeremo il buon livello dell’equipaggio ma soprattutto di avere dei buoni riscontri nei confronti degli equipaggi non qualificati. Il 4 senza infatti dovrà passare per la qualifica olimpica di Lucerna che si svolgerà a metà maggio… Dita incrociate!”

Chiara Nardo: “È solo un anno  che sono in Nazionale e un anno e mezzo che remo alla Canottieri Padova. Proprio Il giorno di Pasqua, a Varese, mi è stata confermata la classificazione internazionale definitiva della categoria PR2 e quindi all’Europeo gareggerò nel doppio misto con Gianfilippo Mirabile. Sarà la mia prima  gara in barca, ma non la prima gara della mia vita perché prima dell’incidente avuto nel 2015, guidavo e allenavo i cavalli da corsa trottatori e ho vinto 734 corse.

Se sono qui oggi è perché mi mancavano la competizione e l’agonismo ed ho trovato nel canottaggio, dopo aver provato altri sport, motivo di grande stimolo nonché di performance fisica compatibile con la mia patologia. 

Sono felice di questo mio debutto in barca, e per altro con un guerriero come Gianfilippo col quale ho stabilito un rapporto di fiducia e stima reciproca. Se tutto procederà bene proveremo la qualificazione del nostro doppio alle Paralimpiadi di Tokyo 2020NE che sarà a giugno infatti i nostri allenamenti sono proiettati a questo evento.”

Veronica Lisi: “In questi Campionati Europei gareggerò sul 4 di coppia. Questa gara ci aiuterà a capire come e su cosa lavorare per migliorarci sempre di più. E’ un primo step. Non abbiamo avuto molto tempo per prepararla, ma da parte di tutte noi c’è sicuramente molto impegno e tantissima voglia di far bene.”

Simome Martini: “Purtroppo non prenderò parte a questi Campionati Europei, ma avrò il ruolo di riserva senior. Aver contratto il COVID a fine dicembre e le complicazioni che ne hanno conseguito non mi hanno permesso di arrivare nelle giuste condizioni per competere a livello internazionale. Sto comunque proseguendo molto bene il mio percorso di preparazione e sono certo che mi rivedrete presto gareggiare ai massimi livelli.

Per ora la prospettiva è riuscire a tornare ad essere competitivo a livello internazionale. Se voglio provare a dire la mia devo essere nuovamente al 100%. Sono sulla buona strada.

Pur non essendo così lontane in calendario prima di poterle parlare di Olimpiadi dovrò disputare le selezioni a livello Italiano. Mi dovrò confrontare con il fortissimo Gennaro Di Mauro che sono sicuro non sfigurerà a questo Europeo.”

Stefania Gobbi: “All’Europeo gareggerò in 4 di coppia. Per me sarà la prima volta come capovoga in questa specialità con un equipaggio per 3/4 veneto, un grande orgoglio.

Ci stiamo allenando al meglio perché siamo un equipaggio messo assieme da poco, le avversarie sono forti, primatiste mondiali, l’obiettivo è iniziare a capire a che punto siamo noi rispetto a loro, in vista di questa stagione importante.

Luca Chiumento: “In questi Campionati Europei gareggerò sul doppio assieme al mio nuovo compagno Nicolò Carucci. Le aspettative possono essere tante, a mio parere essendo un equipaggio nuovo e giovane abbiamo il desiderio di fare belle gare e confrontarci con gli equipaggi più titolati e soprattutto già qualificati.

La preparazione sta andando bene, abbiamo buone velocità e non vediamo l’ora di confrontarci, si vedrà con il tempo.”

Proprio per questo l’Europeo sarà una tappa del percorso di preparazione olimpica che ci sta impegnando molto sia a livello fisico che mentale, visto anche il particolare periodo, e speriamo dia i suoi frutti.”

Clara Guerra: “Al momento io sono sul 4 di coppia al numero 4, insieme a Stefania, Veronica ed Alessandra. Per l’europeo abbiamo lavorato bene e stiamo facendo progressi, sappiamo che questo è un appuntamento solo di passaggio e che la strada per Tokyo è ancora lunga e il lavoro per migliorare ancora tanto. Useremo questa gara per vedere come stiamo rispetto alle altre per cercare di migliorare ancora di più. A questo europeo avremo contro altre 4 nazioni già qualificate per Tokyo2020NE e l’obiettivo è quello di starci più vicino possibile.”

Da parte di tutto il Comitato Veneto, compresi tutti gli atleti, tecnici ed appassionati del nostro sport, è ovviamente scontato il più sincero “in bocca al lupo” a tutti i nostri “magnifici 7” atleti, per questo Campionato Europeo e soprattutto per la preparazione verso l’obiettivo più importante di Tokyo2020NE.

FORZA RAGAZZI, FORZA AZZURRI!!

Alberto Vianello

Comitato Regionale Veneto – F.I.C.

Ufficio Stampa

Il Veneto ai Meeting Nazionale di San Giorgio di Nogaro (UD)

Sabato 27 e domenica 28 marzo u.s., sul canale Ausa Corno di San Giorgio di Nogaro (UD), si è svolto il Meeting
Nazionale di Società, Universitario e Master per il Nord-Est al quale hanno partecipato oltre 650 atleti gara
appartenenti a società provenienti da Friuli Venezia Giulia, Veneto ed Emilia Romagna.
Tra queste erano presenti anche le venete Canottieri Padova, Associazione Padovacanottaggio, Canottieri
Giudecca, Canottieri Diadora, Canottieri Mestre, DLF Treviso e Canottieri Sile.
Al termine delle due giorni di gare, il bilancio per le società venete è stato sicuramente più che positivo con la
conquista complessiva di 21 medaglie d’oro, 15 d’argento e 11 di bronzo.
10 i podi complessivi della Canottieri Padova (tutti “targati” master) con 5 ori, 3 argenti e 2 bronzi, seguita da
Associazione Padovacanottaggio con 4 medaglie d’oro, 4 d’argento ed 1 bronzo, DLF Treviso con 3 ori, 2 argenti ed
1 bronzo, Canottieri Sile con 2 vittorie, 2 piazze d’onore e 4 bronzi, Canottieri Mestre con 1 vittoria, 1 argento ed 1
bronzo e Canottieri Giudecca con 1 medaglia di bronzo.
Interessante la formula del programma gare, già sperimentata ai Campionati Italiani di Società, che prevedeva, oltre
alle categorie giovanili e master, la divisione delle categorie agonistiche in “under 17” ed “over 17”, oltre alla
specialità del doppio “open mix” e delle regate a rappresentativa universitaria e regionale (per il quattro di coppia
cadetti).
Tra i risultati sicuramente più significativi degli atleti veneti, possiamo citare il singolo femminile “over 17” con l’intero
podio “appannaggio” della Padovacanottaggio, il singolo “over 17” con la vittoria dell’ancora quattordicenne Giacomo
Cappelletto (DLF Treviso), i 5 ori nella categoria master (sulle 9 gare in programma) per la Canottieri Padova, le
doppie vittorie degli atleti Gaia D’Este (Diadora – 7.20 “allieve B1” e “B2”), Elio Colombrino (DLF Treviso – 7.20 e
singolo cadetti), Giacomo Negro (Sile – singolo e doppio “under 17”), Costanza Bossan (Padovacanottaggio –
singolo e doppio “over 17”) e Davide Menegazzo (Padovacanottaggio – doppio “over 17” e “open mix”).
Nelle regate riservate agli equipaggi universitari, l’Università di Padova nelle gare maschili ha conquistato 2 ori
(quattro di coppia e quattro con) ed 1 argento (quattro di coppia) con gli atleti Matteo Malachin, Enrico Candini,
Marco Siviero, Edoardo Santi, Tommaso Turato, Vasco Clerici, Francesco Gurisato, Leonardo Merola, Nagela
Donini-tim. (Padova) ed il misto Università di Padova – Ca’ Foscari Venezia nelle gare femminili ha ottenuto 1 oro
(quattro di coppia) ed 1 argento (quattro con) con le atlete Marina Perissinotto, Chiara Giurisato, Arianna Carletto
(Padova), Elena Merotto (Sile).
Nella regata del quattro di coppia cadetti a Rappresentativa Regionale, tagliano il traguardo al 2° ed al 3° posto i due
equipaggi del Comitato Veneto, rispettivamente con gli atleti Diego Casarin, Edoardo Rutigliano, Riccardo Faccini,
Niccolò Bellemo (Mestre) e Alexandros Saraji, Daryush Saraji (Giudecca), Elio Colombrino (DLF Treviso), Arthur
Gutzelnig (Diadora).
Questi gli atleti veneti che sono saliti sul gradino più alto del podio: Gaia D’Este (Diadora) – 7.20 allieve B1 e B2;
Viola Perutto (Diadora) – 7.20 allieve C; Nicolò Bellemo (Mestre) – singolo cadetti; Elio Colombrino (DLF Treviso) –
7.20 e singolo cadetti; Giacomo Negro (Sile) – singolo under 17; Costanza Bossan (Padovacanottaggio) – singolo
over 17 fem.; Giacomo Cappelletto (DLF Treviso) – singolo over 17; Jacopo Cipolotti e Giacomo Negro (Sile) –
doppio under 17; Vera Donadello e Costanza bossan (Padovacanottaggio) – doppio over 17 fem.; Gulia Cabassa e
Davide Menegazzo (Padovacanottaggio) – doppio open mix; Francesca Siviero e Gabriele Eleonora Angel (Padova)
– doppio master fem.; Ida Maroni, Valeria Gambino, Francesca Siviero, Gabriele Eleonora Angel (Padova) – quattro
di coppia master fem.; Gherardo Gamba, Davide Stefanile, Isoken Obayagbona, Roe Steven (Padova) – quattro di
coppia master; Valeria Gambino, Veruska Norbiato, Federica Lorenzin Elena Damian, Antonella Daolio, Arianna Dal
Zolt, Rita Lucca, Giorgia Prevedello, Angela Donini-tim. (Padova) – otto master fem.; Gherardo Gamba, Davide
Stefanile, Isoken Obayagbona, Roe Steven, Filipp Frattina, Michele Bisatto, Stefano Bertazzo, Pierluigi Bullo, Angela
Donni-tim. (Padova) – otto master.
Piazza d’onore invece per: Alberto Pivetta (Padovacanottaggio) – 7.20 e singolo allievi C; Nicolò Carestianto (DLF
Treviso) e Arthur Gutzeling (Diadora) – 7.20 cadetti; Diego Casarin (Mestre) – singolo cadetti; Giacomo Cappelletto
(DLF Treviso) – singolo under 17; Matilde Colombo (Sile) e Carlotta Baggio (Padovacanottaggio) – doppio under 17
fem.; Ottavia Benedetta Iannuzzi (Sile) – singolo esordienti fem.; Giulia Cabassa (Padovacanottaggio) – singolo over
17 fem.; Denise Fasolato (Padova) – singolo master fem.; Ida Marconi e Denise Fasolato (Padova) – doppio master
fem.; Rita Lucca, Federica Lorenzin, Elena Damian, Antonella Daolio (Padova) – quattro di coppia master fem.
Bronzo infine conquistato da: Alvise Rodati (Dadora) – 7.20 allievi B2; Edoardo Rutigliano (Mestre) e Nicolò
Carestiato (DLF Treviso) – singolo cadetti; Alexandros Saraji, Daryush Saraji, Nicola Aguzzi, Luca Nini Monselesan
(Giudecca) – quattro di coppia cadetti; Matilde Colombo (Sile) – singolo under 17 fem.; Vera Donadello
(Padovacanottaggio) – singolo over 17 fem.; Jacopo Cipolotti (Sile) – singolo under 17; Vittoria Savorelli e Monica
Favaro (Sile) – doppio over 17 fem.; Nadiya Malyk (Sile) – singolo master fem.; Michele Bisatto (Padova) – singolo
master; Giorgia Prevedello, Veronica Norbiato, Elena Zorzi, Arianna Dal Zot (Padova) – quattro di coppia master
fem.

Alberto Vianello
Comitato Regionale Veneto – F.I.C.
Ufficio Stampa

1° Meeting Nazionale COOP 2021: Padova e Giudecca salgono sul podio

Dopo un anno di “pausa forzata”, sabato 20 e domenica 21 marzo u.s., sul tradizionalissimo teatro del Lago di
Piediluco (TR), si è svolto l’attesissimo 1° Meeting Nazionale COOP del 2021 che ha visto la partecipazione di
circa 1400 atleti gara provenienti da tutta Italia.
A rappresentare la Regione Veneto erano presenti la Canottieri Padova, Associazione Padovacanottaggio,
Canottieri Giudecca, Canottieri Diadora, Canottieri Mestre, Ospedalieri Treviso e Canottieri Bardolino.
Nel complesso dell’intera manifestazione, I risultati più significativi per gli atleti veneti sono stati senza dubbio
ottenuti da Canottieri Padova, Canottieri Giudecca ed Ospedalieri Treviso. Le prime due società sono riuscite a
salire sul podio, mentre il Circolo Ospedalieri ha raggiunto il maggior numero di finali A complessive.
In particolare evidenza Pietro Cangialosi della Canotteri Padova, sempre protagonista di regate di altissimo
livello tecnico, che ha tagliato il traguardo al 4° posto nella finalissima del singolo senior (a meno di un secondo
dal podio) per poi conquistare la medaglia d’oro nel doppio senior (in coppia con Gaione del CUS Torino) come
1° equipaggio under23 (2° assoluto al traguardo).
Piazza d’onore conquistata poi dal doppio ragazzi della Canottieri Giudecca composto dagli atleti Federico
Baradel e Sondre Bassano.
I giovani allievi di Cecilia Bellati, protagonisti di una gara sempre all’attacco, sono giunti al traguardo con un
distacco di un secondo e mezzo dall’oro, in una delle specialità da sempre più selettive dell’intera rassegna
remiera nazionale.
Non riesce invece a salire sul podio, conquistando la 4ª posizione a meno di un secondo dal bronzo, il quattro
di coppia ragazzi degli Ospedalieri Treviso, composto da Matteo Pegorer, Enrico Luzi, Filippo Gava, Giuseppe
Fusco.
Matteo Pegorer ed Enrico Luzi si sono successivamente classificati anche al 6° posto nella finalissima del
doppio ragazzi Da segnalare che nella finale B del doppio ragazzi, Filippo Gava e Giuseppe Fusco si sono
classificati 6 i (14 i complessivamente).
4ª classificata anche la compagna di società Marta Cavicchia nel quattro di coppia junior fem. (in un equipaggio
misto con Cavallini, Ravenna, Nazzario Sauro) che precede di una posizione l’equipaggio della Canottieri
Diadora formato da Chiara Lastra, Sara De Battisti, Emma Rodati, Sophia Buttà (5 e classificate).
Sara De Battisti ed Emma Rodati si sono poi classificate in 7ª posizione nella finale B (15 e complessivamente)
del doppio junior fem. dove vengono precedute al traguardo dall’equipaggio della Canottieri Giudecca
composto da Vittoria Stangherlin e Agnese Galante (6° classificato – 14° complessivamente).
Ottiene la 3ª piazza in finale B (9° complessivamente) Luca Polito della Padovacanottaggio nel doppio junior
(misto con Fantin della Canottieri Mincio), dopo non essere purtroppo riuscito a completare la semifinale del
singolo per un guasto tecnico.
9ª posizione complessiva (3ª classificata in finale B) anche per Matilde Lorenzini (Bardolino) nel singolo senior
fem. e per il quattro senza senior di Giovanni Poli, Tommaso Santi, Lorenzo D’Ambrosi, Alessandro Ronchetti
(Mestre)
12° piazza complessiva (4° classificato in finale B) per il doppio senior di Pietro Biasibetti e Giovanni
Cappellozza della Canottieri Padova, nella stessa finale B dove Gabriele Bastasi della Canottieri Giudecca
(misto con Di Re della Canottieri Rumon) taglia il traguardo in 7ª posizione (15° complessivamente). Identica
classifica ottenuta in precedenza sempre da Gabriele Bastasi nel singolo senior e dalla compagna di società
Teresa Zambon nel doppio senior fem. (misto con Niola dei VVF Billi).
Concludiamo questo riassunto dei risultati del canottieri veneti ricordando il 6° posto in finale B (14°
complessivamente) di Andrea Furegon (Padova) nel singolo ragazzi.

Alberto Vianello
Comitato Regionale Veneto – F.I.C.
Ufficio Stampa

Nuova Commissione Tecnica Regionale

Nominata la nuova Commissione Tecnica Regionale che rientra sempre nella filosofia della distribuzione territoriale degli incarichi.

Sentite tutte  le parti, che si ringraziano per la disponibilità, questa è la nomina della C.T.R. del Veneto che verrà comunicata alla Segreteria Federale.

  • Coordinatore e Presidente: Sebastiano Ladillo
  • Componente: Sandro Antenori
  • Componente: Piergiorgio Pinali

Alla Commissione si augura un buon lavoro e una fattiva collaborazione con tutte le società.

Il Veneto alla prima regata di Ravenna del 2021

Domenica 7 marzo u.s. sul bacino della Standiana a Ravenna, si è disputata una Regata di Interesse
Nazionale, valevole come prova selettiva nelle specialità dei singoli ragazzi e junior, femminile e maschile.
A questo primo appuntamento agonistico sulle classiche distanze del canottaggio “in acqua” per il
Comitato Veneto erano presenti la Canottieri Padova, Associazione Padovacanottaggio, Canottieri Sile,
DLF Treviso, Canottieri Bardolino, Canottieri Mestre, Canottieri Giudecca, Canottieri Diadora e Canottieri
Bucintoro che, complessivamente, hanno conquistato 26 medaglie d’oro, 22 d’argento e 21 di bronzo.
La società veneta che ha conquistato più volte il podio e più medaglie d’oro è stata la Canottieri Giudecca
(5 ori, 6 argenti, 2 bronzi), seguita da Padovacanottaggio (5 ori, 1 argento)  e dalla Canottieri Padova (4 ori, 4 argenti e 3 bronzi) e dalla Canottieri
Bardolino (3 ori, 3 argenti e 3 bronzi).
Gli Ospedalieri Treviso sono saliti sul podio 9 volte e Canottieri Mestre e Canottieri Sile 7 volte e 6
medaglie sono state conquistate dall’Associazione Padovacanottaggio e dalla Canottieri Diadora. Con 4
medaglie complessive, chiude il medagliere veneto, il DLF Treviso.
Per la cronaca, vincono le selezioni venete in singolo, conquistando il diritto di partecipare al 1° Meeting
Nazionale d Piediluco, i seguenti atleti:

  • Beatrice Giovanna Bastasi (Giudecca) – singolo ragazze;
  • Giacomo
    Cappelletto (DLF Treviso) – singolo ragazzi;
  • Marta Cavicchia (Ospedalieri TV) e Vittoria Stangherlin
    (Giudecca) – singolo junior fem.;
  • Luca Polito (Padovacanottaggio) – singolo junior.

Questi gli equipaggi veneti vincitori della medaglia d’oro: Gaia D’Este (Diadora) – 7.20 allieve B2; Alvise
Rodati (Diadora) – 7.20 allievi B2; Alberto Pivetta (Padovacanottaggio) – 7.20 allievi C; Nicolò Bellemo
(Mestre) – 7.20 cadetti; Alexandros Saraji (Giudecca) – singolo cadetti; Alessandra Quarti e Beatriz
Azzolini (Bardolino) – doppio cadette; Edoardo Rutigliano e Diego Casarin (Mestre) e Giovanni Pastrello e
Alberto Zanini (Ospedlieri TV) – doppio cadetti; Giacomo Cappelletto (DLF Treviso) – singolo ragazzi;
Federico Baradel e Sonde Bassano (Giudecca) – doppio ragazzi; Michele Pegorer, Francesco Piovesan,
Leonardo Slongo, Tommaso Tesser (Ospedalieri TV) – quattro di coppia ragazzi; Marta Cavicchia
(Ospedalieri) – singolo junior fem.; Giacomo Negro e Jacopo Cipollotti (Sile) – doppio junior; Luca Polito
(Padovacanottaggio) – singolo junior; Marta Cavicchia (Ospedalieri TV) e Vittoria Stangherlin (Giudecca)
– doppio junior fem.; Chiara Lastra, Sara De Battisti, Emma Rodati, Sophia Buttà (Diadora) – quattro di
coppia junior fem.; Costanza Bossan (Padovacanottaggio) – singolo pesi leggeri fem.; Matilde Lorenzini
(Bardolino) – singolo senior fem.; Vera Donadello e Giulia Cabassa (Padovacanottaggio) – doppio senior
fem.; Pietro Biasibetti (Padova) – singolo pesi leggeri fem.; Pietro Bonaventura e Sergio Chessari
(Giudecca) – doppio pesi leggeri; Gabriele Bastasi (Giudecca) e Pietro Cangialosi (Padova) – singolo
senior; Pietro Cangialosi e Tommaso Vianello (Padova) – doppio senior; Vera Donadello, Giulia Cabassa,
Costanza Bossan (Padovaanottaggio), Matilde Lorenzini (Bardolino) – quattro di coppia senior fem.;
Barbara Scalcinati e Katia Pilla (Ospedalieri TV) – doppio master.

Argento invece per: Flora Gelmetti (Bardolino) – 7.20 allieve B2; Marco Boni e Giovanni Brighenti
(Bardolino) – doppio allievi B2; Zoe Dal Cero (Bardolino) – 7.20 allievi C fem.; Stefano Corda (DLF
Treviso) e Francesco Barabin (Padova) – 7.20 allievi C; Elia Bramini (Padova) – 7.20 cedette; Nicolò
Bellemo (Mestre) – singolo cadetti; Ginevra Zanini e Gioia Zetti (Ospedalieri TV) – doppio cedette; Nicola
Aguzzi e Daryush Saraji (Giudecca) – doppio cadetti; Beatrice Giovanna Bastasi (Giudecca) – singolo
ragazze; Federico Baradel (Giudecca) – singolo ragazzi; Filippo Gava e Matteo Pegorer (Ospedalieri TV)
– doppio ragazzi; Dennis Bellomi, Pietro Brighetti, Edoardo Scibinico, Angelo Saponaro (Bardolino) –
quattro di coppia ragazzi; Vittoria Stangherlin (Giudecca) – singolo junior fem.; Giacomo Negro (Sile) –
singolo junior; Beatrice Giovanna Bastasi e Agnese Galante (Giudecca) – doppio junior fem.; Simone
Boscolo e Matteo Romiti (Mestre) – doppio junior; Luca Polito (Padovacanottaggio) – singolo pesi leggeri;
Teresa Zambon (Giudecca) – singolo pesi leggeri fem.; Teresa Secco (Padova) – singolo senior fem.;
Lorenzo D’Ambrosi (Mestre) – doppio pesi leggeri; Giacomo De Lucchi (Padova) – singolo senior; Monica
Favaro e Anita Serena (Sile) – doppio senior fem. Lorenzo D’Ambrosi e Alessandro Ronchetti (Mestre) –
due senza senior; Elena Gagno e Lisa De Vido (Ospedalieri TV) -doppio master.

Bronzo infine per: Viola Perutto (Diadora) – 7.20 allieve C; Alessandro Zustovich (Padova) e Giorgio
Cappelletto (DLF Treviso) – 7.20 allievi C; Riccardo Faccini (Mestre) – 7.20 cadetti; Elio Colombrino (DLF
Treviso) – singolo cadetti; Matilde Colombo (Sile) – singolo ragazze; Sondre Bassano (Giudecca) –
singolo ragazzi; Giuseppe Fusco e Enrico Luzi (Ospedalieri TV) – doppio ragazzi; Matteo Berton, Paolo
Scottà, Massimo Zanini, Eugenio Togniolo (Ospedalieri TV) – quattro di coppia ragazzi; Stefano Ruggi
(Giudecca) – singolo junior; Emma Rodati e Sara De Battisti (Diadora) – doppio junior fem.; Luca Rizzi e
Matteo Pasqualini (Bardolino) – doppio junior; Ottavia Benedetta Iannuzzi (Sile) – singolo pesi leggeri
fem.; Pietro Facchin (Bardolino) – singolo pesi leggeri; Vittoria Savorelli (Sile) – singolo senior fem.;
Tommaso Vianello (Padova) e Giovanni Cappellozza (Padova) – singolo senior; Tommaso Santi e
Giovanni Poli (Mestre) – doppio senior; Nadiya Malyk (Sile) – singolo master; Fabiola Manente e Luciano
Mestriner (Sile) – doppio master mix.

Alberto Vianello
Comitato Regionale Veneto – F.I.C.
Ufficio Stampa

Prima riunione del nuovo Comitato Veneto FIC – attribuzione incarichi

Giovedì 4 marzo u.s., ha avuto luogo in streaming la prima riunione del nuovo Comitato Veneto FIC presieduto
da Sandro Frisiero che aveva come primo punto all’ordine del giorno, l’assegnazione dei vari incarichi istituzionali ai consiglieri eletti, di seguito elencati:

  • Vice Presidente : Margherita Amistà
  • Vice Presidente (vicario) : Ennio Casagrande
  • Segretario : Alberto Vianello
  • Tesoriere : Matteo Finesso
  • Rapporti con MIUR e scuole : Marta Basilicata
  • Coordinatore Comunicazione : Paolo Lonardi

Sono inoltre stati attribuite anche le seguenti competenze:

  • Collaboratore Social Media : Margherita Amistà
  • Ufficio Stampa: Alberto Vianello
  • Responsabile Beni Materiali: Ennio Casagrande

Il Consiglio rinnova anche l'incarico di gestore del sito web del Comitato (www. canottaggioveneto.it ) all’ex
consigliere Claudio Donadello.
Si da così avvio al nuovo quadriennio del Comitato Veneto della FederCanottaggio che avrà come primo e più
importante obiettivo la promozione giovanile e scolastica del nostro splendido sport.
Alberto Vianello
Comitato Regionale Veneto – F.I.C.
Ufficio Stampa

Rinnovato il Comitato Ragionale Veneto 2021-2024

Domenica 21 febbraio u.s., presso la sede della Canottieri Padova, si è svolta lAssemblea Elettiva dei rappresentanti delle Società di Canotaggio del per eleggere il nuovo Consiglio del Comitato Veneto F.I.C. per il quadriennio 2021-2024.
LAssemblea è stata presieduta per acclamazione dal nostro campionissimo Rossano Galtarossa, con al suo fianco in qualità di segretario Giovanni Franco Parnigotto.
Alla presidenza del Comitato Veneto è stato riconfermato allunanimità Sandro Frisiero, che il giorno dellAssemblea si è ritrovato come unico candidato per la rinuncia in extremis di Massimo Furlan.
Novità invece tra i neo consiglieri dove, dopo che in Toscana è stata eletta per la prima volta una donna come Presidente di un Comitato della nostra Federazione (e rinnoviamo i nostri complimenti a Giuseppina Di Lauro), anche nel Comitato Veneto entrano in Consiglio le prime presenze femminili con lelezione di Margherita Amistà e di Marta Basilicata, a testimonianza della sempre maggiore importanza che il movimento in rosa sta assumendo anche nella FederCanottaggio.
Sono quindi stati riconfermati come consiglieri Ennio Casagrande, Matteo Finesso ed Alberto Vianello, ai quali si aggiunge il neoeletto Paolo Lonardi.
A breve è prevista la prima riunione ufficiale del nuovo Comitato Veneto per l’assegnazione degli incarichi.
In occasione dellAssemblea sono state consegnate anche 2 targhe premio, rispettivamente alla Canottieri Padova (prima classificata nella classifica agonistica 2020) e alla Canottieri Bardolino (prima classificata nella classifica promozionale 2020).

Alberto Vianello
Comitato Regionale Veneto – F.I.C.
Ufficio Stampa

Consiglio Federale FIC 2021-2024 – intervista a Simone Martini

 Simone Martini, il “gigante” triestino, “esploso” agonisticamente alla Canottieri Padova, già Campione Mondiale di coastal rowing, due volte medaglia d’argento alle Universiadi, per ben 19 volte Campione d’Italia e “dulcis in fundo” protagonista della qualificazione del singolo senior alle prossime Olimpiadi di Tokyo2020ne, dal 7 febbraio u.s. è anche il nuovo Consigliere Federale in quota atleti per il quadriennio 2021-2024.

I delegati atleti presenti a Roma all’Assemblea Elettiva FIC hanno infatti eletto come loro rappresentanti in Consiglio Federale Simone Martini e Sara Bertolasi che hanno entrambi praticamente bissato le preferenze degli altri candidati.

Un “rinnovamento” totale per i due Consiglieri Federali in quota atleti (nel precedente quadriennio erano stati eletti Gaia Palma e Pierpaolo Frattini) che rappresenta la prima e vera opportunità dell’atleta della Canottieri Padova di entrare nella “regia di comando” della nostra Federazione (Sara Bertolasi aveva già ricoperto questa carica nel quadriennio 2013-2016).

Abbiamo quindi intervistato Simone, attualmente impegnato nei raduni della Squadra Olimpica Nazionale in vista delle Olimpiadi di Tokyo2020ne.

Domanda: Te l’aspettavi di essere eletto? 

Risposta: No, ma ci speravo molto. Questa estate mi è venuto in mente di candidarmi e ne ho subito parlato con Sara che, da esperta, mi ha subito fatto capire che avrei potuto essere adatto al ruolo. Anzi, a dirla tutta ha rilanciato dicendomi: ”e se mi candidassi anch’io …”

Da qui è nato il desiderio di poter essere eletti assieme per portare un parere coeso e unito degli atleti.

D: Entrambi i vecchi Consiglieri Federali in quota atleti sono stati “sostituiti”… secondo te c’é un motivo particolare?

R: Non credo ci sia un motivo particolare. Penso piuttosto che io e Sara abbiamo presentato delle idee nuove proponendo un dialogo più diretto con i delegati regionali. Forse, cosi facendo, siamo riusciti a stimolare la necessità di un cambiamento alla guida degli atleti per poterle realizzare.

D: Come procede la preparazione in vista di Tokyo2020ne?

R: Bene! Sono contento di esser rientrato in raduno. A fine dicembre era una cosa quasi insperata. Ho passato dei momenti difficili ma ringrazio tutte le persone che hanno avuto un pensiero per me e mi hanno dato la carica giusta per poter ripartire al meglio!

D: Come vedi la tua Federazione ideale?

R: Aperta al dialogo e non restia ai cambiamenti, in un certo senso mi piacerebbe fosse d’esempio alle altre federazioni. Provo a spiegarmi meglio: un tema che mi sta a cuore è quello universitario ma purtroppo vi sono ancora notevoli difficoltà ad affrontare in contemporanea studio e sport. Quello che riusciremmo ad ottenere dialogando con gli atenei, magari creando un sistema di certificazioni es. “studente-atleta”, potrebbe essere adottato anche da altre federazioni perché quelle che sono le esigenze di un atleta di canottaggio che studia sono le stesse di un atleta che pratica nuoto, vela, pallavolo, ecc…

D: Quali dovrebbero essere a tuo avviso le priorità della nostra Federazione?

R: Tornare a lavorare di più sull’attività giovanile e promozionale. Inoltre, dobbiamo sfruttare meglio la nostra immagine. Siamo uno sport sano, fatto all’aria aperta e ricco di valori questi sono i punti da cui partire per pubblicizzarci al meglio.

D: Attività di alto livello e attività di base/societaria: come distribuire le risorse?

R: L’attività di alto livello richiede un numero elevato di risorse ma se si riuscisse a sfruttarne di più l’immagine potrebbe in un certo senso auto-finanziarsi. Abbiamo una nazionale di primissimo livello che porta ogni anno un numero di medaglie che le altre federazioni ci invidiano e dobbiamo quindi puntare su questo e sull’immagine dei nostri atleti della nazionale per far gola agli sponsor.

Da qui nascerebbero maggiori risorse per l’attività di base che andrebbero redistribuite fra le società più attive o che presentano un progetto concreto per un rilancio dell’attività.

D: Cosa significa per te rappresentare tutti gli atleti di Canottaggio all’interno del Consiglio Federale?

R: Per me è prima di tutto un onore e un grossissimo privilegio. Ringrazio ancora le persone che mi hanno dato fiducia, farò di tutto per non deluderle. Ho scelto di dedicare il mio tempo libero a questo perché voglio dare una mano. Ho ricevuto tanto dal canottaggio ora credo sia il momento di restituire.

Tutto il Comitato Regionale Veneto, atleti, dirigenti e tecnici, augurano un buon lavoro a tutto il nuovo Consiglio Federale ed a Simone in particolare, orgogliosi che un atleta che ha portato ai vertici mondiali i colori di una nostra società ne faccia parte e certi che saprà dimostrare e far valere anche in questa inedita veste di dirigente federale le sue grandi doti di intelligenza, tenacia, costanza e perseveranza.

Alberto Vianello

Comitato Regionale Veneto – F.I.C.

Ufficio Stampa

Vittorie per Bardolino, DLF Treviso e Padova alla #WRR2021 “atto secondo”

Con oltre 1550 iscritti non si può certo dire che non sia stato un grande successo di partecipazione la
“gara 2” della “Winter Rowing Race 2021” che prevedeva una prova al remoergometro sulle “classiche”
distanze di gara in base alla categoria di appartenenza (1000, 1500 e 2000 mt.).
Tra le oltre 100 società da tutta la penisola, a rappresentare il Comitato Veneto, erano presenti anche
Canottieri Bardolino, DLF Treviso, Canottieri Padova e Canottieri Mestre.
Grandissima affermazione nella categoria ragazzi 1° anno per Giacomo Cappelletto (DLF Treviso) che
ha letteralmente sbaragliato tutta la diretta concorrenza, conquistando il gradino più alto del podio con
oltre 16’’ di vantaggio sul secondo classificato e facendo registrare il 5° tempo assoluto della categoria
ragazzi, comprendendo anche gli atleti del 2° anno.
In questa categoria segnaliamo anche il 9° posto ottenuto da Guido Gastaldi (Mestre) su oltre 60 atleti
in totale che hanno concluso correttamente la prova.
Nella categoria senior femminile, ennesima affermazione per Matilde Lorenzini (Bardolino) che, dopo
aver primeggiato anche nella recente “gara 1” della WRR2021, conquista con netta superiorità la
medaglia d’oro anche nella prova sui 2000 mt.
Medaglia d’oro anche per la Canottieri Padova, nella categoria PR2 femminile con l’atleta azzurra
Chiara Nardo, in piena preparazione con la Squadra Nazionale Paralimpica.
Ricordiamo inoltre i risultati più significativi ottenuti dagli altri atleti veneti che hanno partecipato a
questa prova:
9ª class. Cecilia Sabaini (Bardolino) cat. allieve C; 9° class. Tommaso Santi (Mestre) cat. senior; 15ª
class. Flora Gelmetti (Bardolino) cat. allieve B2; 15ª class. Matilde Bonucci (Bardolino) cat. allieve C;
18ª class. Elena Fasoletti (Bardolino) cat. allieve B2; 18ª class. Zoe Dal Cero (Bardolino) cat. allieve C;
18° class. Giovanni Poli (Mestre) cat. senior; 20° class. Edoardo Rutigliano (Mestre) cat. cadetti; 26°
Giovanni Brighenti (Bardolino) cat. allievi B2; 26ª class. Beatriz Azzolini (Bardolino) cat. cadette; 27ª
class. Alessandra Quarti (Bardolino) cat. cadette; 28° class. Diego Casarin (Mestre) cat. cadetti; 28°
class. Dennis Bellomi (Bardolino) cat. ragazzi 1° anno; 28° class. Luca Rizzi (Bardolino) cat. junior 1°
anno; 35° Filippo Saponaro (Bardolino) cat. cadetti; 35ª Lucia Franzoni (Bardolino) cat. ragazze 2°
anno; 35° class. Gianluca Fuschi (DLF Treviso) cat. junior 2° anno.
Prossimo appuntamento con il canottaggio, questa volta “sui remi”, è ora fissato per il weekend dal 12
al 14 febbraio p.v. a Torino, con la classicissima regata “D’Inverno sul Po”.

Alberto Vianello
Comitato Regionale Veneto – F.I.C.
Ufficio Stampa