Simone Martini in singolo e Stefania Gobbi in doppio conquistano i pass per Tokyo 2020!!

Quello che fino a pochi mesi fa poteva forse essere considerato impensabile, oggi si è trasformato in una splendida realtà!!

Ai Campionati del Mondo Assoluti di Linz (AUT) Simone Martini, sculler azzurro della Canottieri Padova, è riuscito in un’impresa “stratosferica” tagliano il traguardo in 3ª posizione in Finale B (9° singolista assoluto al Mondo) e strappando così il pass per qualificare la specialità ai prossimi Giochi Olimpici di Tokyo 2020!!

Era dai Campionati del Mondo di Milano 2003 che l’Italia (con il veneziano Marco Ragazzi) non qualificava il singolo senior alle Olimpiadi (ma allora i pass olimpici per la specialità erano 11) e questo dimostra quanto il “gigante” allenato da Alberto Rigato abbia compiuto un’impresa veramente “titanica” per che lo inserisce di fatto nella ristretta lista dei più forti singolisti italiani di sempre.

Ma le gioie del canottaggio Veneto (ed Azzurro) erano già iniziate qualche minuto prima grazie alla padovana Stefania Gobbi (dal 2018 tesserata per il G.S. Carabinieri) che, assieme a Stefania Buttignon (Timavo), con un finale di gara sensazionale, ha vinto alla grandissima la Finale B (7ª posizione al Mondo) del doppio senior femminile, strappando anche lei il pass della qualificazione a Tokyo 2020!!

Con queste due ultime imbarcazioni qualificate per le prossime Olimpiadi, salgono a 10 gli equipaggi della Federcanottaggio in totale (9 specialità olimpiche ed 1 paralimpica) che potranno orgogliosamente difendere i colori azzurri a Tokyo 2020: un risultato veramente straordinario!!

Ricordiamo ovviamente anche il 6° posto in Finale B (12ª posizione assoluta) ottenuto da Alessandra Patelli (sempre della Canottieri Padova) nel quattro senza senior femminile (assieme a Bertolasi, Montesano ed Iseppi). Risultato questo non sufficiente per ottenere la qualificazione olimpica (8 posti disponibili per la specialità) ma siamo certi che Alessandra saprà ritrovare nuove e sempre maggiori motivazioni per cercare di strappare il pass olimpico nella prossima stagione.

Alberto Vianello

Comitato Regionale Veneto – F.I.C.

Ufficio Stampa

A Patrasso Cangialosi conquista un 4° ed un 5° posto ed a Linz Martini entra nei primi 12 singolisti al Mondo.

Ennesima settimana ricca di soddisfazione per il Canottaggio Veneto che, con i suoi atleti, si conquista un ruolo tra i protagonisti sia ai Mediterranean Beach Games di Patrasso sia ai Campionati del Mondo di Linz.

Tutti gli atleti veneti protagonisti in azzurro in questi impegni internazionali sono tesserati per la Canottieri Padova, allenati da Alberto Rigato, e, mentre la competizione con protagoniste le Nazioni che si affacciano sul Mediterraneo si è già conclusa, i Campionati del Mondo di Linz sono ancora in pieno svolgimento.

Pietro Cangialosi, cresciuto agonisticamente al DLF Treviso ma tesserato da quest’anno per la Canottieri Padova, impegnato a Patrasso nella seconda edizione dei Mediterranean Beach Games, conquista una 5ª posizione in doppio coastal rowing, assieme a Calabrese della Canottieri Roma, ed una 4ª posizione in staffetta.

Un’edizione della competizione con la “formula sprint” di coastal rowing caratterizzata anche dalle difficili ed a volte non eque condizioni del mare che hanno forse compromesso alcuni risultati.

Siamo certi però che Pietro riuscirà a rifarsi durante i Campionati Europei Under 23 di Ioannina (7 e 8 settembre p.v.) che lo vedrà nuovamente vestire la maglia azzurra in quattro di coppia senior (assieme a Cardella e Ferrio del Saturnia e Cziraki del Ravenna).

Simone Martini invece, impegnato ai Campionati del Mondo Assoluti nella specialità con il maggior numero di equipaggi, il singolo maschile, tagliando il traguardo in 2ª posizione in batteria e successivamente in 3ª posizione ai quarti di finale, entra a pieno titolo tra i migliori 12 singolisti al Mondo e venerdì 30 agosto disputerà la semifinale. Forza Simone!!

Presenti tra la compagine azzurra ai Campionati del Mondo di Linz anche Alessandra Patelli, impegnata nel quattro senza femminile (assieme a Bertolasi – S.C. Milano, Montesano – S.C. Eridania e Iseppi – C.C. Aniene) che non riesce a superare l’ostacolo delle semifinali ma che assieme alle compagne cercherà ancora di conquistare il pass olimpico per Tokyo 2020 e Luca Chiumento, recente Campione del Mondo Under 23 in doppio senior maschile, che è una delle riserve azzurre.

Tutto il Comitato Veneto fa ovviamente il tifo per i suoi atleti azzurri e per tutta la Squadra Nazionale.

Alberto Vianello

Comitato Regionale Veneto – F.I.C.

Ufficio Stampa