Ingenti danni alla sede della Canottieri Mestre causati dal maltempo e dall’acqua alta record in Laguna di Venezia

Domenica 28 e lunedì 29 ottobre il maltempo, caratterizzato da forte raffiche di vento e dall’acqua alta record, ha colpito la Laguna di Venezia provocando ingenti danni a tutto il centro storico ma anche alla terraferma veneziana dove si trova anche la sede della Canottieri Mestre.

L’acqua ha ricoperto praticamente tutta la sede della società mestrina, invadendo il piazzale, gli spogliatoi ed i capannoni per il ricovero delle imbarcazioni, provocando vari danni alle strutture e spazzando letteralmente via alcuni pontili per il rimessaggio.

Una prima stima approssimativa ha quantificato in oltre 30.000 euro le conseguenze del maltempo ma purtroppo è una cifra che potrebbe anche aumentare dopo un più attento e preciso esame valutativo.

Alberto Vianello

Comitato Regionale Veneto – F.I.C.

Ufficio Stampa

Si è svolta a Bardolino la classica regata di chiusura della Regione Veneto

Domenica 21 ottobre u.s., in una splendida giornata di sole e con lo spettacolare scenario del Lago di Garda, la Canottieri Bardolino ed il Comitato Regionale Veneto hanno organizzato l’ormai classica Regata Regionale di chiusura della stagione agonistica.

A questo appuntamento erano presenti praticamente tutti i sodalizi di canottaggio del Veneto ed anche le società lombarde Mincio, Garda Salò, Volontari del Garda e l’emiliana Ravenna.

Nelle regate riservate alle categorie agonistiche, la società veneta che ha conquistato più medaglie è stata la Canottieri Padova i cui atleti sono saliti per 13 volte sul podio (2 ori, 7 argenti e 4 bronzi), ma la società che ha conquistato più medaglie d’oro è stata la Canottieri Sile (7 ori, 2 argenti, 2 bronzi), seguite dalla Giudecca (4 ori, 2 argenti, 1 bronzo), Padovacanottaggio (1 oro, 2 argenti, 1 bronzo), DLF Treviso e Canottieri Bardolino (entrambe con 1 oro, 1 argento, 2 bronzi), Ospedalieri Treviso (1 oro) e Diadora (2 argenti).

Nelle prove riservate alle categorie giovanili di allievi e cadetti, il numero maggiore di podi è stato ottenuto dagli Ospedalieri Treviso (5 ori, 3 bronzi), seguiti da Giudecca (3 ori, 1 arento, 1 bronzo), Padova (2 ori, 1 argento, 3 bronzi), Mestre (2 ori, 2 argenti), Canottieri Bardlino (2 argenti, 4 bronzi), Sile (1 oro, 1 argento), DLF Treviso (1 oro, 1 argento), Padovacanottaggio (1 oro), Diadora e Villamarzana (entrambe con 1 bronzo).

Nutrita inoltre la partecipazione nelle regate master dove lo speciale trofeo messo in palio dall’organizzazione, in memoria di Sergio Vellini, è stato vinto da Andrea Pareschi (Villamarzana).

Questi gli atleti veneti che hanno vinto la medaglia d’oro: Francesca D’Isep (Ospedalieri TV) – 7.20 allieve B1; Alexandros Saraji (Mestre) – 7.20 allievi B1; Nicola Aguzzi e Daryush Saraji (Mestre) – doppio allievi B1; Sondre Bassano (Giudecca) – 7.20 allievi B2; Giacomo Cappelletto (DLF Treviso) – 7.20 alliev B2; Federico Chiucchini e Enrico Ruggero (Padova) – doppio allievi B2; Nasser Cavallaro e Riccardo Sinigaglia (Padova) – doppio allievi B2; Filippo Gava (Ospedalieri TV) – 7.20 allievi C; Federico Baradel (Giudecca) – 7.20 allievi C; Nicola Crosato (Ospedalieri TV) – 7.20 allievi C; Beatrice Bastasi e Agnese Galante (Giudecca) – doppio allieve C; Matteo e Michele Pegorer (Ospedaleri TV) – doppio allievi C; Marta Cavicchia (Ospedalieri TV) – singolo cadette; Claudio Cobalchini (Padovacanottaggio) – 7.20 cadette; Jacopo Cipolotti e Davide Faggin Lamponi (Sile) – doppio cadette; Vittoria Savorelli (Sile) – singolo ragazze; Maria Gennaro e Irene Cola (Sile) – doppio ragazze; Francesco Pegorer (Opsedalieri TV) – singolo ragazzi; Isacco Rizzato (DLF Treviso) – singolo ragazzi; Paolo Merotto (Sile) – singolo ragazzi; Pietro Biasibetti e Andrea Giurisato (Padova) – doppio ragazzi; Tommaso Colombo e Paolo Merotto (Sile) – doppio ragazzi; Lorenzo Baldo, Guglielmo Martorelli, Pietro Biasibetti, Giovanni Cappellozza (Padova) – quattro di coppia ragazzi; Gabriele Bastasi (Giudecca) – singolo junior; Stefano Falcone (Sile) – singolo junior; Stefano Falcone e Tommaso Colombo (Sile) – doppio junior; Antea Franzoni, Giulia Adriana Berti, Gaia Loro, Giulia Peretti (Bardolino) – quattro di coppia junior fem.; Sebastiano Carrettin, Jacopo Boccato, Diego Alvise Mariuzzo, Gabriele Bastasi (Giudecca) – quattro di coppia junior; Giacomo Vincent Gallo (Giudecca) – singolo pesi leggeri; Giacomo Andreani e Giacomo Vincent Gallo (Giudecca) – doppio pesi leggeri; Aita Serena (Sie) – singolo senior fem.; Claudio Donadello (Padovacanottaggio) – singolo senior.

L’appuntamento per tutto il canottaggio Veneto e Nazionale sullo splendido Lago di Garda è ora spostato al 2019 quando, sempre a Bardolino, si disputeranno i Campionati Italiani in Tipo Regolamentare.

Alberto Vianello

Comitato Regionale Veneto – F.I.C.

Ufficio Stampa

A pochi giorni dalle finali dei Campionati del Mondo di Coastal Rowing, abbiamo intervistato Simone Martini (Canottieri Padova)

Dall’11 al 14 ottobre, sulle acque della Bazan Bay a Victoria (Canada), si sono svolti i Campionati del Mondo di Coastal Rowing 2018 nei quali l’Italia remiera ha nuovamente “brillato” conquistando ben due medaglie d’oro ed una di bronzo.

Ma, col senno di poi, si può sicuramente affermare che il bottino azzurro poteva a tutti gli effetti essere ben più prezioso.

Simone Martini (Canottieri Padova), incontrastato specialista del Coastal Rowing azzurro, Campione del Mondo nel 2017, medaglia d’argento nel 2013 e 2014, 4° classificato nel 2015 e 5° nel 2016, partito con i più alti favori ed aspettative di tutti (miglior tempo assoluto nelle batterie eliminatorie) si può dire che in Canada si è dovuto accontentare di una (seppur più che onorevole e prestigiosa) medaglia di bronzo, quando, senza nasconderlo a nessuno, lui puntava decisamente a riconfermare il Titolo conquistato l’anno scorso.

A meno di dieci giorni dalla finale canadese abbiamo avuto l’onore di intervistare lo sculler triestino, cresciuto tecnicamente e fisicamente alla Canottieri Padova, sotto la guida tecnica di Alberto Rigato.

Domanda: Simone, come ti senti dopo aver raggiunto per l’ennesima volta il podio ai Campionati del Mondo di Coastal Rowing?

Risposta: passati alcuni giorni direi che la rabbia rimane alta.

D: e perché mai? Cos’è successo in gara?

R: Praticamente dopo circa mille metri ho pescato le alghe con la deriva e sono rimaste li fino al traguardo

D: Ti va di raccontarci com’è andata?

R:. La finale si era messa bene perché dopo la partenza ero riuscito a raggiungere la testa della gara, poco prima del giro di boa ho però pescato le alghe che mi hanno rallentato un bel po’. Speravo che durante il giro di boa riuscissi a toglierle ma purtroppo non è stato così. Dopo la batteria in cui avevo fatto il miglior tempo mi auspicavo di riuscire a confermarmi Campione del Mondo, e c’erano tutti i presupposti per farlo. Mi ha fatto rabbia vedere dal gps dopo la gara che da quando ho pescato le alghe ho perso circa 30 cm a palata! Ti senti come aver fatto una gara di ciclismo in cui gli altri hanno una bici da corsa e tu una mountain bike!

Comprensibile lo stato d’animo del “gigante padovano” ma, a nostro avviso, aver concluso la finale Mondiale con uno “sfortunato handicap”, conquistando comunque il terzo gradino del podio, dimostra tutta la sua grande potenza e tenacia.

Alberto Vianello

Comitato Regionale Veneto – F.I.C.

Ufficio Stampa

Trofeo della Restera 2018

Domenica 14 ottobre , presso la sede del Circolo Ospedalieri di Treviso, si è svolta la sesta edizione del Trofeo della Restera.

La splendida giornata di sole ha visto partecipare, nel tratto di fiume lungo il percorso dell’antica alzaia , oltre ai padroni di casa la Canottieri Sile, Il Dopolavoro Ferroviario di Treviso e La Canottieri Giudecca.

Possiamo dire che questa edizione ha visto competere , parafrasando il romanzo di Pirandello, i ” Vecchi e i Giovani”.

Si sono fronteggiati due equipaggi master , Ospedalieri e DLF , e due costituiti da giovani atleti ,Sile e Giudecca .

Naturalmente , terminata la fase delle qualificazioni Sile e Giudecca si sono confrontati per il primo e il secondo posto, DLF e Ospedalieri per il e terzo e quarto

L’imbarcazione della Canottieri Sile costituita da atleti maschi e femmine, mantenendo un ritmo costante su tutto il percorso ha affrontato senza sbavature il giroboa realizzando il miglior tempo

La Giudecca, pur impegnandosi con determinazione, ha scontato la poca esperienza del tortuoso fiume sbagliando la manovra del giroboa e di fatto accumulando ritardo prezioso .

Terzo posto al DLF e quarto al Circolo Ospedalieri .

Il Trofeo della Restera quindi passa dalla Società Padovacanottaggio detentrice dell’ultima edizione alla Canottieri Sile che lo rimetterà in palio per l’edizione 2019 .

Ennio Casagrande

130° anni FIC – 50° anniversario oro olimpico Baran-Sambo-Cipolla. I Diplomi d’Onore del Comitato Veneto

Il 19 ottobre 1968, a Città del Messico, il due con composto dai “leggendari” trevisani Primo Baran, Renzo Sambo e Bruno Cipolla al timone, conquistava la medaglia d’oro olimpica per l’Italia e venerdì 19 ottobre 2018, presso il DLF di Treviso, verrà celebrato il 50° anniversario di quella storica vittoria.

Durante la manifestazione, che inizierà alle 15:30, verrà festeggiato l’oro olimpico con una foto-cartolina autografata con annullo filatelico e con la proiezione del video della mitica finale di Città del Messico ’68.

Sarà anche l’occasione per tutto il Canottaggio Veneto, alle presenza del Presidente Federale Giuseppe Abbagnale, di celebrare il 130° anniversario di fondazione della Federazione Italiana Canottaggio.

Nel corso delle celebrazioni il Presidente Federale ed il Presidente del Comitato Veneto Sandro Frisiero consegneranno il Diploma d’Onore a tutti i personaggi veneti che, per il loro operato e risultati, hanno contribuito a raggiungere i 130 anni di prestigiosi successi per la Federazione Italiana Canottaggio.

Tra i tanti Presidenti di Società, Dirigenti, Tecnici ed Atleti che riceveranno il Diploma d’Onore FIC, spiccano ovviamente i “Veneti olimpici”, partecipanti e medagliati alle varie edizioni dei Giochi Olimpici, tra i quali ricordiamo:

  • Nazzareno Simonato (Roma 1960 – 6° class. in 8+)
  • Primo Baran (Città del Messico 1968 – 1° class. in 2+; Monaco 1972 – 10° class. in 4-; Montreal 1976 – 5° class. in 2+)
  • Bruno Cipolla (Città del Messico 1968 – 1° class. in 2+)
  • Umberto Ragazzi (Montreal 1976 – 7° class. in 2x)
  • Raffaella Memo (Los Angeles 1984 – 6ª class. in 4x)
  • Piero Carletto (Seoul 1988 – 7° class. in 8+)
  • Roberto Fusaro (Seoul 1988 – 9° class. in 2x)
  • Rossano Galtarossa (Barcellona 1992 – 3° class. in 4x; Atlanta 1996 – 4° class. in 4x; Sydney 2000 – 1° class. in 4x; Atene 2004 – 3° class. in 2x; Pechino 2008 – 2° class. In 4x; Londra 2012 – riserva)
  • Valerio Pinton (Sydney 2000 – 4° class. in 8+; Atene 2004 – 7° class. in 8+)

  • Alessandra Patelli (Rio 2016 – 11ª class. in 2-)
  • Giovanni Parnigotto (Tecnico a Los Angeles 1984 e Londra 2012 – paraolimpiadi)
  • Antonio Alfine (Direttore Tecnico a Londra 2012)

L’appuntamento è quindi fissato per venerdì 19 ottobre p.v., a partire dalle ore 15:30, presso il DLF di Treviso per festeggiare e celebrare questi due importanti anniversari del Canottaggio Veneto e Nazionale.

Alberto Vianello

Comitato Regionale Veneto – F.I.C.

Ufficio Stampa

Titolo Italiano riconfermato per Simone Martini (Canottieri Padova) e medaglie anche per Sile e Mestre a San Giorgio di Nogaro.

Nell’ultimo weekend, sulle acque dell’Ausa Corno a San Giorgio di Nogaro (UD), il canottaggio Veneto ha conquistato complessivamente un oro, due argenti, due bronzi e tre quarti posti ai Campionati Italiani in Tipo Regolamentare 2018.

In particolare, l’atleta della Canottieri Padova Simone Martini (singolista Azzurro ai recenti Campionati del Mondo Assoluti di Plovdiv) ha riconfermato il titolo già vinto negli ultimi anni per ben 3 volte (2014, 2016, 2017), imponendosi con grande autorità sui diretti avversari nel canoino senior.

Ottengono invece la piazza d’onore nel doppio canoino senior i compagni di società Luca Chiumento (argento ai Mondiali Under 23) e Daniele Vania, secondi sul traguardo per meno di 8 decimi dall’oro.

Argento conquistato anche dal quattro gig ragazzi della Canottieri Sile composto dai già Campioni Italiani Ragazzi e di Società 2018 Stefano Falcone e Tommaso Colombo, assieme ai compagni Paolo Merotto e Giacomo Negro, con al timone Jacopo Cipolotti. Arrivo decretato solamente al fotofinish per solo 8 centesimi di secondo dai primi classificati.

Medaglia di bronzo invece per il doppio canoino junior della Canottieri Padova con a bordo da Giacomo Varotto ed Emilio Giacomello (già Campioni Italiani di Soceità 2018) e per la jole a 4 senior della Canottieri Mestre, composta da Andrea Molena, Lorenzo D’Ambrosi, Pietro Bonaventura, Samuele Semenzato e Filippo Zambon (timoniere).

Ricrodiamo inoltre i piazzamenti degli altri atleti veneti a ridosso dal podio: 4° classificato il canoino junior di Sebastiano Carrettin (4° classificato ai Campionati del Mondo Junior 2018) della Canottieri Giudecca; 4° classificato il doppio canoino senior femminile di Alice Scopinich e Teresa Zambon della Canottieri Mestre; 4° classificato il doppio canoino senior di Pietro Cangialosi e Mattia Campigotto del DLF Treviso.

Nelle gare riservate alla categoria master segnaliamo il bronzo del canoino master D di Michele Bisatto (Padova), l’argento del canoino master A di Sergio Chessari (Mestre) e del doppio canoino master D di Fabio Spagnolo e Pierpaolo Signorelli (Ospedalieri TV) e l’oro conquistato da Gherardo Gamba e Pierluigi Bullo (Padova) nel doppio canoino master C che si sono poi ripetuti nella jole a 8 master D (misto Candia2010), assieme ai compagni Piero Carletto, Michele Bacco, Paolo Sorge, Michele Bisatto, Franco Torta, Ettore Bulgarelli e Andrea Rossoni (timoniere).

Canottaggio Veneto ora proiettato alle celebrazioni per il 50° anniversario della vittoria Olimpica del 2 con di Baran, Sambo e Cipolla che avranno luogo venerdì 19 ottobre p.v. presso la sede del DLF di Treviso, nel corso delle quali verrà celebrato anche il 130° anniversario della Federazione Italiana Canottaggio.

Alberto Vianello

Comitato Regionale Veneto – F.I.C.

Ufficio Stampa